Stefania Mai
La maschera e la visione - Jane Austen, Emily e Charlotte Brontë

Edizioni Tracce, Pescara 2004

Collana Armorica

pp. 408, € 20,00



 

 

 

per richiedere il libro contrassegno invia una
E-mail cliccando sull'immagine che segue...

 

 

            La maschera e la visione: saggio critico o - come afferma l'autrice - ascolto appassionato della "storia" che le tre scrittrici inglesi esaminate (Jane Austen, Emily e Charlotte Brontë) raccontano attraverso i loro personaggi più "diversi"? La storia della lotta senza tempo tra il ribelle e la norma. Ma una storia che, originalmente, l'autrice del libro non legge e non scrive come racconto della sconfitta annunciata del ribelle. Esiste un contrasto tra il desiderio dell'io e la legge del mondo. Ma tale legge regola la vita di superficie, non quella profonda, dell'individuo. E se la superficie (la forma) è rispettosa della norma, la parte profonda (l'essenza) può restare fedele a se stessa. Il "diverso" (di cui la società diffida perché devia dalle norma/normalità) può "mascherarsi e coltivare in una dimensione intima e privata - l'amore di chi lo comprende - la "visione" che lo fa se stesso, e sfuggire all'obbligo sociale del ruolo che ogni società impone ai suoi membri.
Questa è la storia che - insieme alla autrici con cui, più che di cui parla - Stefania Mai ha scritto.
Forse la storia della sua Visione.

 

 

 

Per andare ad altre pagine del sito:

Le attività e le iniziative culturali

I libri delle Edizioni Tracce