Annamargherita Civitarese
Poesie a luci bianche

Edizioni Tracce, Pescara 2000

poesie

pp. 112, lire 20.000



 

 

per richiedere il libro contrassegno invia una
E-mail cliccando sull'immagine che segue...

 

Per andare ad altre pagine del sito:

Le attività e le iniziative culturali

I libri delle Edizioni Tracce

 

Torna alla home page delle Edizioni Tracce

 

 

dalla POSTFAZIONE


Emerge, dalla lettura di "Poesie a luci bianche", una felice disposizione stilistica che, pur nell'originalità del dettato, si confronta con la tradizione letteraria e poetica, cogliendone i frutti migliori nell'essenzialità dell'espressione e nella forza simbolica del testo.
Il linguaggio moderno e personale, la scorrevolezza del dettato, valorizzano l'itinerario espressivo sottolineando i contenuti del testo, in particolare il tema dell'amore, il tema del mare (visto simbolicamente, ma anche con lucida nostalgia) e il tema della vitalità e della forza d'animo, che sottolinea forse una "filosofia del vivere quotidiano", una capacità di riscatto nell'esistenza, grazie alla quale è possibile superare i drammi della vita.
Dal punto di vista della forma l'analogia e la metafora attribuiscono creatività alla parola poetica al di là di ogni ricercatezza formale.
Nelle Liriche della maturità le varie immagini poetiche registrate potrebbero apparire come momenti diacronici nella loro essenzialità, ma ugualmente riconducibili all'interno della stessa categoria di pensiero organizzante.
Il testo, anche se autobiografico, esprime nel suo insieme concetti universali soffusi di luce bianca trasparenti e puri, simboli archetipici che rimandano alla luce dello Spirito. Pertanto, per la pregnanza di contenuti e di valori spirituali, la parola poetica si fa tramite di un'esigenza superiore, di un senso del vivere che solo la dimensione non-visibile dell'esistenza può offrire.

Ubaldo Giacomucci