Pietro Caporossi
Domani andrà meglio

Edizioni Tracce, Pescara 2005

narrativa

pp. 100, € 10,00



 

 

per richiedere il libro contrassegno invia una
E-mail cliccando sull'immagine che segue...

 

dalla PREFAZIONE

          L'Autore, in questo romanzo scritto in prima persona, è riuscito a conciliare una letteratura "alta", di qualità, ricca di significati, con un'esigenza di comunicazione che rende il testo scorrevole, di immediata leggibilità, in modo da permettere sia al lettore più colto che a quello meno preparato di leggere una storia avvincente, testimonianza dei nostri tempi.

          Il romanzo di Pietro Caporossi è centrato su storie che si intersecano in una trama solida, attraverso la quale emergono le vicende delle ultime generazioni della nostra società occidentale, percorsa da un apparente cinismo, sotto il quale si nascondono invece spesso percorsi esistenziali ricchi di fremiti e di ansie di riscatto dalla banalità della vita quotidiana. Il lettore è coinvolto dal punto di vista del protagonista, che racconta una sorta di crescita interiore, di Bildungsroman moderno e attuale, con un linguaggio quotidiano, ricco del sapore della lingua parlata. Potremmo persino considerare alcuni capitoli del libro o alcune parti del romanzo quasi come racconti indipendenti, raccolti insieme per la presenza di un medesimo protagonista, che scrive in prima persona.

        L'Autore riesce a conciliare spunti e "generi" narrativi a volte anche diversi fra loro, dal romanzo autobiografico al diario "giovanilista", dal racconto esistenziale al monologo interiore, ma con un notevole spessore culturale. Ne deriva la freschezza e la vivacità della narrazione, per la quale bisogna riconoscere all’Autore una notevole capacità espressiva. Lo spessore psicologico del testo non va dimenticato, poiché il lettore viene condotto attraverso una ricerca esistenziale che si fa assunzione di responsabilità all’interno di una maturazione psicologica. Significativa in tal senso è la conclusione dell’opera, che svela una possibilità di riscatto dal disagio del protagonista, sintomatico di un’intera generazione.

Ubaldo Giacomucci

 

Per andare ad altre pagine del sito:

Le attività e le iniziative culturali

I libri delle Edizioni Tracce