Homepage || I libri delle Edizioni Tracce || Le attività e le iniziative culturali


Emilio Tabasco
Le misteriose folgorazioni
dell'orfico esploratore dell'ignoto
1974 - 1984

Edizioni Tracce, 2012
Poesia collana "Anamorfosi"
pp. 104
€ 13,00
ISBN 978-88-7433-863-4
Dimensioni cm. 21x14,5




In copertina: Emilio Tabasco, La chute dans l'enfer (cm 60x70)



Per richiedere il libro in contrassegno invia
una E-mail cliccando sull'immagine che segue...

Dalla prefazione a cura di Ubaldo Giacomucci:

In questa silloge Emilio Tabasco rende esplicito il riferimento a una poetica orfica, ma in questo sintetico apparato critico occorre valutare se l’effettivo stile dell’Autore, decisamente surreale e fortemente espressivo, vada ad annoverarsi tra le coordinate poetiche dell’orfismo.
Dino Campana, intitolando “Canti Orfici” il suo famoso canzoniere, uno dei più rilevanti nella poesia del primo Novecento e di tutta la poesia contemporanea, ha espresso nell’aggettivo una qualità del canto poetico che è in relazione con il personaggio di Orfeo. L’«idea di una poesia orfica», avvertiva Eugenio Montale, «non si limita al titolo del libro», infatti nel finale dei Canti Orfici è stato riconosciuto un riferimento al mito della morte di Orfeo, e nel penultimo dei Notturni, La sera di fiera, compare il tema della morte della donna amata, tutti elementi tipici della mitologia religiosa del culto misterico dell’Orfismo.
Tuttavia è innegabile che per poetica “orfica” si intenda oggi (e forse già da tempo) una ricerca poetica percorsa soprattutto dalla visionarietà, senza necessariamente considerare riferimenti alla dimensione religiosa e/o iniziatica, né tantomeno al mito di Orfeo.
Cosa caratterizza dunque questa inquieta ricerca poetica condotta da Emilio Tabasco, percorsa da fremiti e tremiti, timori e tensioni, se non una poetica dell’immagine condotta in chiave visionaria e intimista, fortemente simbolica?
L’orfismo attuale, meno lirico ma più surreale, comunque simbolico e suggestivo, in questa silloge lancia una sfida al disincanto linguistico della sperimentazione, per recuperare i valori estetici ma in chiave “postauratica”. Ne emerge un testo poetico di grande impatto, attento sia alla sensibilità novecentesca che a quella attuale, grazie ad una scrittura incisiva e originale, a una versificazione serrata e coerente.


Emilio Tabasco è nato a Pollica, in provincia di Salerno, e vive a Montreuil alla perfieria di Parigi. Pittore di fama internazionale ha esposto a New York, a Los Angeles, a Amburgo e a Parigi. Palmes Academiques “Vermeil” dell’Accademia Internazionale d’Arte Contemporanea è considerato dalla critica internazionale come il pittore che ha rivoluzionato la pittura contemporanea.
“Tabasco crea composizioni che trascendono le fredde precisioni del disegno convenzionale e raggiungono un intenso potere pittorico che pochissimi artisti possono uguagliare”: con questi termini il grande critico d’arte americano Maureen Flynn, sul “Gallery and Studio” di New York, definisce il lavoro artistico di Emilio Tabasco.
Per la sua ultima grande esposizione al centro di Parigi, il critico d’arte francese Patrice de la Perriére sulla rivista d’arte “L’univers des Arts” scrive: “Emilio Tabasco è riuscito ad esprimere con forza la sua presa di coscienza dei drammi terribili della storia del mondo e grazie al suo modo tutto particolare di dipingere ha sicuramente rivoluzionato la pittura contemporanea”.
Come poeta ha pubblicato in Italia, presso la Maremmi Editori di Firenze, le raccolte di poesia
Fiori d’inchiostro, I canti d’ombra dell’orfano d’Orfeo e I putridi giardini di Babilonia.
Presso le Edizioni Tindari di Messina
I fiori del silenzio e Voce murata.
Con le Edizioni Tracce di Pescara
Gli abissali canti abissini, I triboli del cherubo, Le Notti gotiche, I folgoranti canti del serafico emanuense, Gli arcaici carmi del custode degli arcani degli arcangeli, Gli arcani canti dell'arcangelo affascinato dell'arcobaleno, Nei crocidanti rostri dell'enimma, Gli occhi di Euridice, The tribulation of the black seraphim (raccolta poetica in lingua inglese) e Cantos de mi dolor (raccolta poetica in lingua spagnola).
In Francia ha pubblicato
Le Affres du Gouffre presso Amalthée Editions di Nantes e Le Tenebreux Palimpseste du Sondeur des Profondeurs, presso la Societé des Ecrivains di Parigi.