Homepage || I libri delle Edizioni Tracce || Le attività e le iniziative culturali


Gabriella Pison
Ormeggio di luce

Edizioni Tracce, 2012
Poesia - collana "Magister"
pp. 64
€ 11,00
ISBN 978-88-7433-839-9
Dimensioni cm. 21x14,5




In copertina: Roberto del Frate, Marina in Trieste


Per richiedere il libro in contrassegno invia una E-mail
cliccando sull'immagine che segue...

Dalla prefazione a cura di Ninnj Di Stefano Busà:

Ormeggio di luce, mi appare un libro maturo, vi si stende un canto evocativo che ha il merito di accompagnare il lettore in ulteriori e sempre più intensi momenti, differenziando la partitura di questi brani lirici con accelerazioni e contrazioni, in grado di ritmarne la staticità di uno sviluppo verbale, che esibisce la misura delle emozioni che vi s’intrecciano.
È molto probabile che questo testo sia una tappa importante del repescage poetico dell’autrice, una sorta di – spartiacque – che verifichi il prima e il dopo della sua esperienza e della sua tensione. In essi vi si possono riconoscere uno stile soffuso, una musicalità inconfondibile già dalle prime battute del libro.
Trattasi di una poetessa, a mio parere, che da sempre insegue la matrice profonda dell’essere, la sua autenticità, il suo valore memoriale, la sua carica sentimentale che la separano da tanta poesia prosastica o sperimentale del momento. Il processo fonico-visivo, le immagini, i raccordi semantici sono quelli della tradizione, le metafore si alternano in un concerto mnemonico della coscienza e della libertà creativa. L’oggetto vi fa da sponda, sostiene la trama dei pensieri e dell’ispirazione come un racconto di sé, senza frammentazione, quasi sempre composito e fedele al suo “io”.
[...]


Gabriella Pison è un medico di Trieste; ha pubblicato cinque sillogi poetiche (di cui una on line “Notteluce”), la prima nel 1994, Lettere agli Dei, l’ultima nel febbraio di quest’anno dal titolo Il vento si incapriccia tra i capelli.
È presente in numerosi siti, riviste internet e antologie, vincitrice di numerosi premi sia in ambito letterario che giornalistico, accademico benemerito dell’Accademia letteraria
Il Marzocco, nel 2010 si aggiudica il Terzo premio indetto dall’Associazione Amici dell’Arte Katane, il Primo premio a Benabbio indetto dal “Muro magico”, al concorso “Il mio cane”, sia nell’ambito di Libri Live a Monterotondo per “Scrittori e Poeti contemporanei”.
Riceve inoltre menzione speciale per “poesia visionaria” (fantasy) sul tema del Vortice ed al concorso Nazionale Ketty Daneo. Nel 2011 primo premio a Taranto al concorso Eve:
La vigilia della vita e a “Donna semplicemente donna”; terza al concorso “Il senso della vita”, quindi per racconto fantasy a Etna Comics e al I concorso nazionale On line indetto dalla casa editrice Pagine. Nello stesso anno menzione speciale della giuria al Premio Letterario Giovane Holden e Primo premio e menzione speciale alla V edizione del premio Hermes; si attesta terza ancora al Premio letterario “Vampiri, streghe e C” organizzato da Giovane Holden Edizioni e al Premio “Esculapio 2011”. Primo premio nel febbraio 2012 al II concorso nazionale online indetto da Pagine e Poesia, al concorso Primo Contest on line “denunciamo e ricordiamo” con la poesia “Brundibar il tiranno nel ghetto di Terezin” e al 4° Premio Letterario Città dell’Etna.