Homepage || I libri delle Edizioni Tracce || Le attività e le iniziative culturali


Dario Marucci
Non dite mai più
che col tempo
si dimentica

Edizioni Tracce, 2012
Poesia collana "Anamorfosi"
pp. 80
€ 11,00
ISBN 978-88-7433-828-3
Dimensioni cm. 21x14,5




In copertina: Salvador Dalì, La Persistenza della memoria,
particolare, 1931, New York, The Museum of Modern Art


Per richiedere il libro in contrassegno invia una E-mail
cliccando sull'immagine che segue...


Dalla quarta di copertina:


La scrittura poetica di Dario Marucci si proietta lungo le diverse traiettorie psicologiche dell’introspezione per recuperare uno spazio simbolico attuale e suggestivo, attraverso un linguaggio più diretto che nella lirica tradizionale o nel postermetismo. Da questo punto di vista la ricerca poetica non prevale mai sul testo, secondo un’impostazione moderna, libera da rigidi schemi formali e basata su un lessico quotidiano riutilizzato ai fini della dimensione estetica e di quella simbolica.
La poetica dell’Autore punta anche sull’icasticità dell’espressione e sulla concettualizzazione del messaggio, per assumere pienamente la finalità esistenziale del testo, nell’esigenza di andare oltre gli idoli di un mondo dominato dalla dimensione materiale e consumistica e recuperare una dimensione di autenticità. In questo senso la fenomenologia delle emozioni definisce una poesia dal linguaggio vivo e palpitante, che si confronta con una forma comunicativa ma personale ed essenziale.


Dario Marucci è nato a Benevento nel 1949 e risiede a Montesilvano (PE).
Dopo la laurea in Giurisprudenza ha seguito un corso di Psicologia ad indirizzo psicoanalitico, per otto anni analisi personale individuale con terapia psicoanalitica a Roma e per tre anni terapia di gruppo su base psicoanalitica a Pescara.
Ha pubblicato un raccolta di poesie dal titolo
Così come se fosse amore, Edizioni Libroitaliano world, 2007; è presente nell’antologia “Poeti contemporanei”, Edizioni Libroitaliano world.
Segnalato in vari premi nazionali di poesia, ha ricevuto recensioni positive da Mario Luzi e Carlo Betocchi.