Homepage || I libri delle Edizioni Tracce || Le attività e le iniziative culturali


Premio Letterario Internazionale
di Poesia e Narrativa
L'INTEGRAZIONE CULTURALE
PER UN MONDO MIGLIORE
- 2011 -

Edizioni Tracce, 2011
Saggistica
pp. 144
€ 15,00
ISBN 978-88-7433-782-8
Dimensioni cm. 21x14



In copertina: Walter Venzi, Verso la città futura
(tecnica mista cm 40x50).



Per richiedere il libro in contrassegno invia
una E-mail cliccando sull'immagine che segue...

Dalla premessa del Presidente del Premio Letterario Dr. Guàman Allende:

È con vivo piacere che presento questa antologia del Premio letterario Internazionale “L’integrazione Culturale per un Mondo Migliore”. Integrazione e promozione socioculturale dell’Ecuador nel mondo sono il nostro costante e appassionato progetto, e abbiamo voluto partire da Milano, da sempre protagonista della grande cultura letteraria universale e manna squisita dell’immigrazione internazionale, testimoniando che la stessa dà corpo a una realtà contemporanea che varca le frontiere, fondendosi con lo spirito di ogni paese, di ogni storia, civile o artistica.
Questo premio è nato dalla responsabilità civica, come cittadini immigrati per dimostrare al mondo che si può vivere in una società “diversa” dalla nostra e farne parte in tutti i sensi della vita, partendo dall’io più intimo, e non solo come forza lavoro. [...]
Questa antologia rappresenta non la voce di un singolo poeta, ma la lunga serie di modelli letterari del mondo, il valore della poesia come valore dell’uomo, in ogni poesia c’è scuola di vita, di umanità e amore verso ogni essere umano.
La filosofia che il “Centro Ecuatoriano de Arte y Cultura” a Milano promuove è la pace, la fratellanza e l’integrazione delle culture, come risorsa per lo sviluppo di un mondo migliore. Da tale raziocinio nasce questo premio e invita alla partecipazione aperta tutti i cittadini, senza distinzione di sesso, religione e razza.
Abbiamo composto una giuria di pregio, così formata:
Guáman Allende, Presidente del Premio, coordinatore dei lavori della giuria, Segretario Generale del Settore Cultura in Italia,
Ninnj di Stefano Busà, Presidente di Giuria
Componenti: Dr. Corrado Calabrò, Prof. Alessandro Quasimodo, Dr. Franco Loi, Prof. Angelo Gaccione, Dr. Rodolfo Vettorello, Don Alessandro Vavassori, Prof. Haidar Hafez, Prof. Gino Masciarelli, Prof.ssa Lorenza Franco, ed un rappresentante diplomatico del governo ecuadoriano. [...]

“La cultura è patrimonio del popolo e costituisce elemento essenziale della sua identità. Lo Stato promuoverà e stimolerà la cultura, la creatività, la formazione artistica e la ricerca scientifica. Stabilirà politiche permanenti per la conservazione, restaurazione, protezione e rispetto del patrimonio culturale tangibile ed intangibile, della ricchezza artistica, storica, linguistica ed archeologica della nazione, così come dell’insieme di valori e manifestazioni diverse che configurano l’identità nazionale, pluriculturale e multietnica. Lo Stato promuoverà l’intercultura, ispirerà le proprie istituzioni secondo princìpi di equità ed uguaglianza delle culture”
(Art. 62 della Costituzione Della Repubblica dell’Ecuador)


Dall'Introduzione di Ninnj Di Stefano Busà, Presidente della Giuria:

[...] Quella di “Integrazione per un mondo migliore” è una iniziativa di forte impatto nel panorama complessivo dei Premi, con una capacità operativa e promozionale dei due paesi, Italia-Ecuador degna del più ampio consenso. La consapevolezza che il rapporto diretto tra i popoli sia “l’integrazione” possibile, in quanto nell’unità tra le tradizioni e le culture si fondano i princìpi degli uomini liberi, per garantire l’umanesimo e il pluralismo del pensiero e dell’umanità.
La finalità del “Movimento per l’integrazione nel mondo” mira a stabilire collegamenti tra culture diversificate.
Attraverso la Letteratura s’intende dimostrare quali integrazioni, oggettive e conoscitive, ricerche e studi riescono a unificare gli assiomi del pensiero e dell’esperienza, giungendo a ridurre le distanze tra i Paesi e le civiltà, impegnati a produrre il progetto universale della specie, che è determinante per il futuro del pianeta.
In linea diretta con l’Ecuador, la prima edizione di questo importante Premio Letterario va a cercare il “Tema” della fratellanza e della Pace, ma anche di un nuovo modo di concepire il mondo sotto il profilo dell’adeguamento ai tempi della Storia che risultano – orizzonti più ravvicinati – alle nuove verifiche culturali e umane proiettate nel Terzo millennio. Una ricca sortita di nomi, anche stranieri, si è presentata oggi all’appuntamento con un Premio Letterario Internazionale di cui il Consolato Ecuadoriano [...] si è fatto promotore e innovatore di valori intellettuali inalienabili ed eterni, come quelli poetici. Ci hanno voluto onorare con la loro presenza partecipativa moltissimi autori. Il loro livello è stato ritenuto alto, per questo abbiamo dovuto effettuare una lacerante selezione.
Ma nessun autore si senta escluso. La Poesia non detiene esclusioni: è l’ossigeno del mondo, il fulcro e l’anima di un qualcosa che ci trascende; la poesia è tutto ciò che si autodetermina e si riformula per il bene dell’umanità, sicché anche se non la salva, ne neutralizza i veleni, le scorie, i conflitti; si fa armonia per unire tutti i popoli e le menti. Il linguaggio permette alla parola di divenire deterrente ed espressione di pensiero, nella crescita morale sociale e intellettuale di tutti. Ognuno dà il proprio contributo, come può e meglio che può, per la buona riuscita di un mondo migliore. La poesia è una zona-franca, un lasciapassare per il nostro spirito che attraverso le infinite vicissitudini quotidiane trova sbocco e pacificazione nella scrittura, soprattutto poetica che lenisce e non ferisce. La scelta è il frutto di una grande e appassionata analisi sui contenuti e sulle forme, che respingono il “minimalismo” e il linguaggio “poetichese” degli sperimentalisti ad oltranza, per decifrare la sigla più opportuna e qualificata da passare al vaglio storico. [...]