Homepage || I libri delle Edizioni Tracce || Le attività e le iniziative culturali

Hafez Haidar
L'ultimo profeta
Gibran nel mio cuore

Edizioni Tracce, 2014
Poesia collana I Cammei
Premessa di Ubaldo Giacomucci e Nicoletta Di Gregorio
pp. 96 - € 14,00
ISBN 978-88-7433-991-4
Dimensioni cm. 19x14





Per richiedere il libro in contrassegno invia una E-mail
cliccando sull'immagine che segue...

Dalla premessa curata da Ubaldo Giacomucci e Nicoletta Di Gregorio:

La poesia di Hafez Haidar dimostra una intensità inconsueta, una maestria probabilmente dovuta non solo al talento e al labor limae ma anche all’assimilazione della lezione di Gibran, testimoniando una forza espressiva legata ad un simbolismo asciutto e incisivo.
La personale rielaborazione stilistica dell’Autore, efficace e suggestiva, evidenzia una dimensione etica che diventa un ponte con l’attualità storico-sociale, in un momento così particolarmente ricettivo verso le riflessioni etiche e la solidarietà.
Proprio questa dimensione, e l’elaborazione linguistica che l’accompagna, dimostrano la capacità di attualizzare Gibran, di renderlo attraverso la propria scrittura più moderno, anzi di scoprire quel profeta contemporaneo che non ancora si rivela, per mostrarne l’incisività e la coerenza.
Una silloge, dunque, volutamente impostata sul rigore dei contenuti e sulla lucidità dello stile, per rendere vicina al lettore l’urgenza di una scrittura che pure si fa sentire grazie alla costante tensione espressiva e alla dimensione semantica.
Il ritorno del poeta che si riscopre profeta, dunque, è frutto di coerente e profonda autenticità, che rende il poemetto un’opera organica e unitaria, percorsa da un ritmo ben cadenzato, e da un linguaggio comunicativo, asciutto e pregnante.
Attraverso la lettura del testo, che si dimostra attualissimo e allusivo, nel confronto con temi diversi, tra momenti lirici e situazioni ricche di pathos, emerge una carica espressiva di enorme forza, un sentimento potente di ricerca di autenticità che si trasmette al lettore con vivacità ed empatia.



Hafez Haidar, Accademico Emerito, cristiano cattolico, è uno scrittore e poeta di origine libanese, ma di cittadinanza italiana, nato il 25 Maggio 1953 a Baalbeck, antica città romana conosciuta come “l’Olimpo degli dei”, dove ha studiato Filosofia Greca e Araba all’Università di Beirut.
Trasferitosi in Italia, ha studiato per alcuni mesi all’Università di Perugia e si è spostato in seguito all’Università di Milano dove si è laureato in Lettere Moderne e specializzato in Archivistica, Paleografia e Diplomatica con il massimo dei voti.
Nel 1986 ha abbandonato la carriera diplomatica e ha iniziato a dedicare tutta la sua attività all’insegnamento e alla scrittura per costruire un ponte di dialogo tra l’Italia e il Medio Oriente.
Ha insegnato presso l’Università della Terza Età di Milano e di Cesano Maderno, presso l’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo; attualmente è insegnante presso l’Università degli Studi di Pavia, dove ha tenuto anche corsi finanziati dalla Comunità Europea. Ha pubblicato vari libri di saggistica e di narrativa con Mondadori, Piemme, Rizzoli, Bompiani, Fabbri, La Meridiana e Mondolibri.
Nel 2002 è stato insignito del Premio letterario Basilicata Sezione Letteratura Spirituale e Poesia Religiosa, che precedentemente era stato assegnato all’attuale Papa Emerito, allora Cardinale Ratzinger, al Cardinale Ravasi, Ministro della cultura della Santa Sede Vaticana, a Elio Toaff, Capo dei rabbini di Roma, a Padre David Maria Turoldo e al poeta Mario Luzi e al Professore Franco Cardini.
Nel 2003, in qualità di scrittore e poeta, ha partecipato con Francesco Giorgino, Noa, padre Ibrahim Faltas, custode della terra Santa, gli artisti Michele Lobaccaro e il Quartetto Napoletano, alla serata artistico-culturale “Notte Mediterranea”, trasmessa da Rai Uno e realizzata al fine di instaurare un ponte di pace tra i popoli del Mezzogiorno e del Mediterraneo.
È considerato uno dei maggiori studiosi delle religioni del Libro a livello mondiale (Dizionario Comparato delle religioni monoteistiche ed. Piemme).
Ha curato e tradotto le seguenti opere:
Le ali spezzate di Gibran (Rizzoli), Le ninfe della valle di Gibran (Tea, Ugo Guanda Editore), Le fiabe arabe (Rusconi, Bompiani), Quartine del grande poeta Omar Khayyàm (Rizzoli, Fabbri editori), La città del mistero (Mondadori), Il figlio dei cedri di Gibran (Mondadori), Quando l’amore chiama seguilo (Piemme), Dove nasce l’amore (Piemme), Sindbad e il falco sapiente (Mondadori), Le mille e una notte (Oscar Mondadori, Mondo Libri, Donna Moderna), La notte ti parlerò d’amore (Piemme-Mondadori), Il precursore e il folle (Ugo Guanda, Tea), Come fiori nella polvere (Piemme).
È inoltre autore della
Letteratura araba (Rizzoli), della Storia della scrittura araba antica e moderna, de Il Profeta di Gibran (Romanzo – Piemme), del romanzo storico Il Custode del Corano (Piemme), dei romanzi Bestseller Come sigillo sul tuo cuore, Maometto e i diamanti del Corano (Oscar Mondadori), Le donne che amavano Maometto (Piemme), Il viaggio notturno del Profeta (Piemme), La prediletta del Profeta (Piemme ), Miriam a Gerusalemme (La Meridiana).
È stato relatore nel convegno “L’insegnamento della lingua araba in Italia” presso l’Università “La Sapienza” di Roma (14.6.2000) e in altre conferenze relative alla storia e alla cultura del Mediterraneo a Bolzano e a Milano.
Il 22 Novembre 2006 è stato insignito del premio Internazionale Sorrento nel Mondo insieme a Lucio Dalla.
Il 12 Aprile 2007 ha vinto il Premio al Dialogo, Tre volte Dio, Regione di Puglia e città di Bari, l’8 Agosto 2007 il premio Penisola Sorrentina, San Fele d’Oro, Narrativa alla Carriera con Giuliano Gemma, Vecchioni, il 5 Ottobre 2008 il premio della cultura e narrativa dall’Unione Nazionale degli scrittori della Lombardia, Circolo della Stampa, Milano.
Nell’anno 2008, ha partecipato come giurato alla premiazione di Sandra Mondaini, Franco Nero, Ezio Greggio, Enrico Ruggeri, Corrado Calabrò, Cocuzza e Livia Pomodoro (Premio Award alla salute, Ospedale Macedonio Melloni, Fatebenefratelli, Milano).
Il 18 Novembre 2008 è stato insignito del prestigioso premio Accademico Cesare Angelini Speciale, Università degli Studi di Pavia, Lions Club, le Torri e l’8 Novembre 2009 ha vinto il Premio letterario internazionale, Associazione chiese storiche, Primo premio narrativa edita, Palermo, e il Terzo Premio di Narrativa e Saggistica Edita, Concorso Internazionale città di Salò 2010.
È inoltre intervenuto come scrittore e poeta in incontri pubblici e dibattiti trasmessi da Rai Tre, Telelombardia, Telenova, Antenna 3, Radio Rai Uno, Radio Rai Due, Radio Rai Tre e Radio Lombardia.
Attualmente è coordinatore della cultura dell’Unione Nazionale degli scrittori della Lombardia, responsabile della cultura del Centro Ferraroli, Chiesa San Giuseppe, coordinatore del Premio Penisola Sorrentina per la Letteratura straniera e Giurato del Premio Europeo via Francigena e del Premio di Letteratura internazionale “Integrazione culturale per un mondo migliore” e del Premio Letterario Città di Cattolica.
Recentemente ha partecipato a un progetto economico industriale a favore dell’Africa e dell’Italia, permettendo a un centinaio di persone di lavorare e sperare in un futuro migliore.