Sara Fasciani
Fra passato e presente

Edizioni Tracce, 2011
Poesia
Collana "Anamorfosi"
pp. 176
€ 12,00
ISBN 978-88-7433-762-0
Dimensioni cm. 21x14,5

In copertina: Claude Monet,
Lo stagno delle ninfee, armonia verde,
(1899, olio su tela, cm 89.5x100),
Parigi, Musée d'Orsay





Per richiedere il libro in contrassegno invia una E-mail
cliccando sull'immagine che segue...

Dalla prefazione:

Sara Fasciani, alla seconda silloge di poesia pubblicata in volume, mostra nell’evoluzione della sua poetica una forza lirica ed espressiva in crescendo, con uno stile di grande nitore formale, essenziale e dal linguaggio teso e calibrato, ma che non rinuncia alla valenza comunicativa del testo.
Questa rinnovata attenzione ai contenuti della poesia, che ha ripreso vigore dagli anni Novanta e ancor più negli ultimi anni, è una significativa tendenza della ricerca poetica, sempre più lontana sia da una ricerca formale fine a se stessa, che da giochi linguistici puramente ludici.
L’Autrice, conciliando il ritmo del respiro con una dimensione simbolica, in tutte le poesie della silloge manifesta la coerenza di una dimensione etica che si fa di volta in volta riflessione esistenziale o pietas. La cura della scelta lessicale, la ricchezza icastica, l’intensità del dettato offrono in questa silloge al lettore un testo di particolare intensità, non rinunciando a un ritmo ben cadenzato e coerente, che ricerca nel verso una musicalità coinvolgente.
Interessante anche il riferimento a poetiche innovative, quella rombista, in particolare.
Sara Fasciani, dunque, conferma e amplia le suggestioni delle precedenti raccolte di poesia, dimostrando l’autenticità della propria vocazione alla ricerca poetica.


Sara Fasciani è nata a Molina Aterno (L’Aquila) dove ha vissuto l’infanzia; la giovinezza l’ha trascorsa tra il paesello e L’Aquila dove ha frequentato l’Istituto Magistrale Statale.
Giovanissima ha vinto il concorso magistrale per titoli ed esami e si è dedicata subito all’insegnamento con autentica passione e competenza.
Dopo il matrimonio si è trasferita a Pescara, ha seguito il marito anche in Ascoli Piceno e di nuovo a Pescara dove ha continuato ad insegnare per un totale di quarantacinque anni di ruolo.
“Ha speso” per la scuola anche il suo tempo libero mantenendo vivo l’amore per le recite, per la musica, per la poesia che scaturiva soprattutto dai testi dei suoi alunni e che lei sognava di scrivere… e di pubblicare!




Per andare ad altre pagine del sito:

Le attività e le iniziative culturali

I libri delle Edizioni Tracce

Homepage