MARIA GRAZIA CHIARINI - MASSIMO TELLINI
Veduta nel tempo
(Dialogo poetico)


Edizioni Tracce, 2009
Poesia
Collana "Anamorfosi"
pp. 80
€ 9,00
ISBN 9788874335763
Dimensioni cm. 21x14.5

 


In copertina: Vittorio Paradisi, Terrazza





Per richiedere il libro in contrassegno invia
una E-mail cliccando sull'immagine
che segue...

 



Dalla prefazione di Walter Mauro:

La raccolta poetica di Massimo Tellini e Maria Grazia Chiarini dimostra che ancora nel Terzo Millennio ci sono autori che dedicano il loro sguardo delicato e profondo alle cose del mondo, cercano di toccare i sentimenti del lettore con intensità e disponibilità verso quelle che potrebbero essere le sue stesse richieste esistenziali. Basta guardare alla titolazione per cogliere il significato di questa loro iniziativa artistica: gli autori, lo si percepisce al primo impatto, vorrebbero penetrare in lungo e largo nei meandri del tempo e dello spazio per ascoltare bene il cuore dell’esperienza e delle sue magmatiche diramazioni, dialogare all’infinito su i temi cui, proprio in ragione del tempo che ci confina, non possiamo che dare una risposta limitata e limitante. Ci troviamo, allora, non solo di fronte ad una ispirazione comune ma anche al tentativo di mettere insieme due linguaggi e due modi di vedere se stessi. Due modi per esprimere la propria interiorità. Si nota, così fin da subito una voglia di comunicare che non rinuncia alla propria specificità, che prova ad “urlare”, forse alla maniera della beat generation, ma pure a restare in disparte come ben sapevano fare i crepuscolari. S’introducono, a volte, ritmi brevi, a volte armonie (o disarmonie) più vaste, complesse. La poesia è come la tela di ragno che si estende in territori sconosciuti con la sicurezza e le certezze che richiederebbero sforzi notevoli e grande coraggio per chiunque. Sono questa conoscenza, sono taluni particolari che accrescono la consistenza del contenuto, delle riflessioni che, spesso, fanno risuonare sottili sensazioni in un personalissimo controcanto in un segreto desiderio di narrare la propria “come tutta la condizione umana”, di dare una situazione, nel suo piccolo, irripetibile.
Ciò che colpisce, ad ogni modo, sempre, è la vibrazione suadente delle parole, il loro voler sfuggire ad un vocabolario preciso, per assumere la forma di un momento lirico alternativo, una specie di “attimo fuggente”. È forse la capacità di aderire agli istinti, alle intuizioni che fa di questa loro proposta poetica un modo spontaneo e, per certi aspetti, molto rigoroso di rivolgersi alla realtà. Ci viene da pensare che gli autori, superando un certo individualismo non privo di fascino che caratterizza la loro scrittura, sperino che la poesia, tutta la poesia, sia meglio compresa nelle sue multiformi potenzialità e renda più facile l’incontro tra uomini che vivono un’epoca di profonde lacerazioni, di gravi difficoltà e contraddizioni sotto ogni profilo. Se, però, lo scetticismo impera, se assistiamo al declino di molte antiche speranze, rivolgiamoci, almeno, sembrano dirci, al “dialogo poetico” per alimentare qualche sincera e, perché no?, generosa illusione.


Walter Mauro










Per andare ad altre pagine del sito:

Le attività e le iniziative culturali

I libri delle Edizioni Tracce

Homepage