Homepage || I libri delle Edizioni Tracce || Le attività e le iniziative culturali


Francesco Bartoli
Idioma incompiuto

Edizioni Tracce, 2012
Poesia collana "Anamorfosi"
pp. 120
€ 12,00
ISBN 978-88-7433-825-2
Dimensioni cm. 21x14,5




In copertina: Leonardo Da Vinci,
Testa di fanciulla (La scapigliata), 1508 ca.


Per richiedere il libro in contrassegno invia una E-mail
cliccando sull'immagine che segue...

Dalla prefazione alla raccolta poetica a cura di Sara Ciampi:

Dalla lettura delle poesie del bravo e giovane poeta Francesco Bartoli emerge una grande vastità di temi, affrontati con estrema sensibilità: l’amore inteso in senso generale in “Idioma incompiuto”, quello per alcune città come in “San Gimignano”, “Savona”, “Santa Margherita Ligure” ed in altre il forte spirito patriottico, come in “Giovine Italia” e “Paese Italia”, un profondo senso religioso in “Sulla croce”, “Madre bambina (pianto di Maria)”, “Prima lagrima della Madonna”, “Dio”, “Giovan Battista”, “San Tommaso” e molti ulteriori temi di natura personale e universale presenti nelle diverse liriche del libro.
Da sottolineare, oltre agli argomenti sopracitati, quelli storici, affrontati con estrema sensibilità e turbamento come accade nelle poesie: “Sant’Anna di Stazzema” e soprattutto in “Passione ad Auschwitz”.
Inoltre non bisogna dimenticare le poesie dedicate ad alcuni personaggi famosi come Alda Merini e Stéphane Mallarmé.
Una rara caratteristica di questo poeta è perciò quella di offrirci, accanto a bellissime poesie liriche, poesie civili e storiche, importanti per il lettore, che non deve mai dimenticare le tragedie che hanno segnato il nostro passato.
Un’attenzione particolare va riservata alla poesia iniziale “Idioma incompiuto”, che dà il titolo all’intera silloge e dove si evidenzia il tema dell’amore universale, che Bartoli definisce “intelligibile sentimento” e la sua ricerca personale di un amore che possa compiersi “fra le braccia di una donna”.


Dalla postfazione alla silloge a cura di Ubaldo Giacomucci:

Francesco Bartoli si dimostra un poeta dalla scrittura nitida e fortemente allegorica, con una silloge di poesie particolarmente organica e ricca di sfumature espressive.
In particolare emergono dal testo una consapevolezza dei propri mezzi espressivi e un costante confronto con lessico e temi della poesia classica e di quella moderna, da cui l’Autore trae comunque un proprio personale percorso stilistico e di contenuti, arricchito da personalissime venature espressive.
Si tratta di un testo che si fa notare nel panorama della poesia italiana attuale, proprio per una scorrevolezza che testimonia un tono sicuro e forte, che si confronta con gli esiti migliori della poesia contemporanea.[...]


Francesco Bartoli, nato a Correggio il 19 gennaio 1985, risiede nella città di Reggio Emilia, e frequenta attualmente la facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.
Dopo essersi diplomato, nel luglio del 2004, presso il Liceo Classico “Ludovico Ariosto”, scopre con gioia la sua grande passione per la scrittura.
Ha pubblicato le raccolte di versi:
Inizia il sogno (2006); Lo scorrere di un’anima (2008); Alba di vita (2010) e La foce dell’anima (2011).
Ha scritto inoltre due romanzi:
L’anima oscura del tempo (2009) e Cronistorie del sole di tenebra (2011).
Dal novembre 2008 ha conseguito oltre 50 premi in concorsi letterari nazionali ed internazionali.
Da citare, fra quelli di maggior prestigio, alcuni primi premi, conseguiti al concorso pluridisciplinare “Mario Pannunzio”; al Concorso Internazionale “Prato-Un tessuto di cultura”; alla Rassegna Letteraria Internazionale “I grandi maestri contemporanei”; al Premio Internazionale “Città di Parigi” ed al Concorso Internazionale “Città di Lerici”.
Col suo ultimo romanzo ha conseguito il “Premio Speciale Fantasy” al rinomato Concorso “Città di Cattolica-Pegasus Literary Awards”.
È stato invitato a leggere alcuni suoi componimenti alla conferenza teatralizzata “In Forma Mentis”, organizzata dalla Regione Emilia- Romagna.
Recentissima è la vincita del 1° Premio alla prestigiosa Rassegna Letteraria Internazionale “Padus Amoenus 2012”.