Anna Maria Angelitti
Ho amato una transessuale


Edizioni Tracce, 2010
Narrativa
pp. 88
€ 10,00
ISBN 978-88-7433-625-8
Dimensioni cm. 21x13



Per richiedere il libro in contrassegno invia
una E-mail cliccando sull'immagine
che segue...

 

 

 

Per andare ad altre pagine del sito:

Le attività e le iniziative culturali

I libri delle Edizioni Tracce

Homepage

 

Dalla Introduzione:

Questo romanzo di Annamaria Angelitti dimostra una estrema efficacia nel conciliare elaborazione stilistica e forza comunicativa, testimoniando una forza espressiva legata all'essenzialità della narrazione, che riannoda i fili tra l’immaginazione letteraria e la dimensione socio-culturale del testo.

In questo modo l'Autrice ci offre una storia sulla transizione di genere, cioè sul percorso che porta un individuo a smettere di vivere il ruolo di genere relativo al sesso biologico di appartenenza, per arrivare a vivere pienamente nell'identità del genere di elezione.

Un romanzo, dunque, di grande attualità e anche letterariamente scottante, giocata sulla peculiarità italiana, in cui la legge 164 del 14 aprile 1982 permette la transizione di genere ma la morale corrente non ne assume ancora pienamente i contenuti socio-culturali. Questa legge, infatti, riconosce alle persone transessuali la loro condizione e le autorizza a compiere il percorso per conformare il corpo al genere d'elezione, e quindi al cambio anagrafico dopo gli interventi chirurgici sugli organi riproduttivi. Pertanto le persone che hanno concluso, da un punto di vista legale, la transizione da un sesso all'altro possono sposarsi ed anche adottare.

Il romanzo è senz’altro particolare sia per i temi affrontati, che per lo stile scorrevole e vivace. Un testo godibile, che il lettore troverà scorrevole e coinvolgente.

Ubaldo Giacomucci

 

 

Anna Maria Angelitti nasce in Abruzzo. Interrotti gli studi di architettura alla facoltà di Roma, si dedica alla famiglia e all’insegnamento della storia dell’arte e della pittura.
Partecipa a mostre di pittura personali e collettive, continua la ricerca espressiva anche attraverso la forma scritta.
Da Roma rientra, dopo una separazione e un divorzio devastanti, in Abruzzo dove si dedica al volontariato, alla cultura e alla lettura mirata delle problematiche sociali e di genere.
Altre pubblicazioni:
Lettere ad Ignazio Silone, Edizioni Tracce, 1997 - Pescara; Viaggio andata e ritorno nel paese delle aquile, Edizioni Tracce 1998- Pescara; Caro computer Edizioni Di Censo 2002- Avezzano (Aq).